Nebulosa planetaria PuWe1 nella Lince

Ho iniziato a riprendere questa nebulosa planetaria a metà settembre e con molta pazienza ho accumulato quanti più scatti possibili per 2 motivi: primo, per raggiungere un valore adeguato di SNR che mi potesse permettere di spingere il più possibile in post-produzione per staccare bene la nebulosa (decisamente molto debole) dal fondo cielo; e secondo, per cercare di far uscire il flebilissimo segnale H-alpha di fondo. Credo di aver centrato il primo obiettivo e solo in parte il secondo, ma mi accontento lo stesso considerando che riprendo da un cielo cittadino inquinato.

Il soggetto della foto è la nebulosa planetaria conosciuta con la sigla PuWe1 (Purgathofer-Weinberger 1) o PK158+17.1, situata nella costellazione della Lince, ripresa con entrambi i miei setup (rifrattore ED80 e Konus 200/1000). Scoperta da Alois Purgathofer e Ronald Weinberger nel 1980 analizzando le lastre del Palomar Deep Sky Survey, PuWe1 è una delle più grandi e sfuggenti nebulose planetarie visibili nei nostri cieli, con un diametro di 20 minuti d’arco (più o meno come la Luna piena); oltre che una delle più vicine, trovandosi ad una distanza di “soli” 1200 anni luce.

Sky-Watcher Evostar ED80 @480mm, f/6.0
Konus 200/1000 @950mm, f/4.8
Player One Poseidon-C @-5 °C
Sky-Watcher Eq6r Pro mount
Optolong L_Ultimate filter 101×1200″ (ED80)
Optolong L_Ultimate filter 165×600″ (Konus)
SvBony UV/IR-cut filter 60×120″ (Konus)
N.I.N.A., DSS, APP, PixInsight, PS
Ferrara (Italy)

Autore: Massimo Di Fusco (sito)