Doppio ammasso di Perseo

E anche quest’anno, immancabile, è arrivato il momento di immortalare uno degli oggetti stellari più belli dell’intera volta celeste: il doppio ammasso di Perseo, brillante ammasso aperto visibile nell’omonima costellazione, composto da 2 gruppi di stelle (NGC 869,NGC 884) situati a circa 7000 anni luce da noi e scoperti dall’astronomo e matematico Ipparco nel 130 a.C.
Entrambi gli ammassi si trovano nel Braccio di Perseo, il braccio di spirale della Via Lattea immediatamente più esterno rispetto al nostro, il Braccio di Orione. Tuttavia la prospettiva inganna in quanto i due ammassi distano tra di loro circa 800 anni luce. La varietà di classe spettrali delle stelle che lo compongono ne fanno uno dei più colorati e apprezzati ammassi aperti da parte degli astrofili.
Trovandosi in una zona di cielo circumpolare, nell’emisfero Boreale, è praticamente osservabile per tutto l’anno.

———————-Setup———————–

Skywatcher Newton Wide Photo f4 200/800
EQ6-R mount
Asi294 Pro
Guida con Skywatcher 70/500mm
Asi 224 mc

———————-Image———————–

40×90″ gain120 temp -15°C con Optolong L Pro da 2″
Dark, Flat e darkflat

———————-Software———————-

Sequence Generation Pro, Eqmod, Phd2 Guiding, PixInsight 1.8, Photoshop

Full resolution
https://www.astrobin.com/full/d96wk3/0/?nc=all&real=&mod=

Autore: Valerio Avitabile (sito)