My favorite duo

Ho fatto centinaia di foto lunari, anche da questa regione, eppure ogni nuova foto che faccio di questo duo è come la prima, il fascino non è perso, la soddisfazione è garantita.
Per tutto questo, nonostante i molti bei posti che esistono per fotografare la Luna, questo rimane ancora il mio eletto.
Moreto con la sua vetta che si innalza verso il cielo lunare, sembrando che si perda nell’oscurità, è uno spettacolo sublime.
E allora Clavius con i suoi innumerevoli amuleti?
Ciò che mi ha sempre attratto di Clavius è il pensiero nostalgico dell’ampiezza, dell’orizzonte senza confini. Immagina solo che stando al suo centro le pareti che compongono le sue pareti non sarebbero semplicemente visibili a causa della curvatura della luna, quindi a chiunque fosse lì, Clavius non sembrerebbe un cratere ma una vera pianura senza fine.
Quando scatti una foto della luna, lascia che la tua mente vaghi, con idee che corrono selvagge la tua foto sembrerà una foto di “un altro mondo”!
Testo: Avani Soares

I’ve done hundreds of lunar photos, even from this region, yet every new photo I make of this duo is like the first, the charm is not lost, satisfaction is guaranteed.
For all this, despite the many beautiful places that exist to photograph on the moon, this still remains my elected.
Moretus with its peak rising toward the lunar sky looking like it will be lost in darkness is a sublime sight.
What about Clavius ​​then with his countless charms?
What has always attracted me about Clavius ​​is the nostalgic thinking of breadth, of horizon without borders. Just imagine that standing in its center the walls that make up its walls would simply not be visible due to the curvature of the moon, so to anyone who was there, Clavius ​​would not look like a crater but a true endless plain.
When you take a picture of the moon, let your mind wander, with ideas running wild your picture will look like a picture of “another world”!
Text: Avani Soares

Autore: Avani Soares (sito)