Il pianeta più fotogenico del nostro Sistema Solare, magistralmente ripreso ed elaborato da E. S. Azevedo.

Saturno ha un diametro all’equatore di circa 120.000 km, poco meno di 10 volte quello terrestre; compie una rotazione su se stesso in quasi 10,5 ore e una rivoluzione completa intorno al Sole, dal quale dista in media 1,4 miliardi di chilometri, in 29,5 anni.

La particolare e inconfondibile struttura ad anelli che lo circonda si estende a partire da 7.000 km dall’equatore del pianeta fino a quasi 80.000 km e ha uno spessore medio di 10 metri. Essi sono costituiti in genere da miriadi di particelle solide di dimensione a partire da un millesimo di millimetro fino a un metro.

Ancor più sorprendente è la formazione a esagono nel Polo Nord, al cui centro si trova un enorme vortice; ogni lato dell’esagono misura circa 13.800 km (diametro terrestre=12.740 km). La teoria più accreditata riguardo alla particolare forma prevede differenti gradi di velocità e densità degli strati atmosferici superiori man mano che dal centro ci si sposta verso la periferia.


The most photogenic planet of our Solar System, masterfully imaged and elaborated by E. S. Azevedo.

Saturn has a diameter at the equator of about 120,000 km, a little less than 10 times that of the Earth; rotates on itself in almost 10.5 hours and to complete an orbit around the Sun, from which it is on average 1.4 billion kilometers distant, in 29.5 years.

The particular and unmistakable ring structure that surrounds it extends from 7,000 km from the planet’s equator to almost 80,000 km and has an average thickness of 10 meters. They are generally made up of myriads of solid particles of size starting from a thousandth of a millimeter up to a meter.

Even more surprising is the hexagon formation in the North Pole, at the center of which is a huge vortex; each side of the hexagon measures approximately 13,800 km (terrestrial diameter = 12,740 km). The most accredited theory regarding the particular form concerns different degrees of speed and density of the upper atmospheric layers as we move from the center to the periphery.


Celestron CPC 1100 Edge HD
ZWO ASI 224MC


Image Credits: Ecleido S. Azevedo

Autore: Ecleido S Azevedo (sito)